Sogni nel cassetto

L’uomo è un genio quando sta sognando.
(Akira Kurosawa)

Io sogno spesso. Sogno di essere persone, cose, animali. A volte sogno di essere me stesso. E allora sì che le cose si fanno divertenti.

È in quei momenti (in quelle lunghe ore lungo le quali il sogno dipana la sua storia, si dilata, si ripete, si frammenta e si interrompe per a volte riprendere) che accadono cose straordinarie.

Lascio perdere il solito sogno volante. Tanto quello l'hanno fatto tutti ed è stato pure interpretato a dovere. No, parlo di bellissimi sogni in cui mi trovo a compiere gesta belliche incredibili. La battaglia, a mani nude per lo più, mi permette di sconfiggere persone che in vita non affronterei mai. Bande criminali assetate di sangue, che io affronto come un temerario Bruce Willis dei tempi migliori.

Ancora più belle le situazioni in cui i capi di un tempo si trovano a parcheggiare una poco rombante Apecar anziché la fiammante Audi personalizzata. Ridere del re per coglierne anche il lato umano, no? Un mio amico ricorda sempre quando il papà di una sua vecchia fidanzata diceva per tranquillizzarlo dalle sue paure per gli esami all'università: "Temi quei vecchi baroni? Immaginateli su un cesso mentre cagano".

Sarò un erotomane, ma le cose che mi danno più soddisfazione sono le avventure sessuali. Di solito son robe di livello! Tanto per cominciare, non mancano mai gli accoppiamenti multipli e le penetrazioni profonde e umide.

Il tempo atmosferico che viene privilegiato in questi sogni è quello caldo e secco, come fosse una lunga estate onirica. La cosa che mi piace di più è il fatto che sono veramente un ganzo, in questi sogni. Oltre a chiavare come un riccio, non faccio mai cilecca, le dimensioni della mia proboscide sono degne delle performance che sto espletando, le donne mi adorano.

Poi, vacca eva, mi sveglio. Ed è allora che mi rendo conto che è stato solo un sogno. Bello, fantastico, inebriante, ma solo un sogno.

E allora, richiudo gli occhi e spero. Spero che tutto riparta da quel punto esatto.

Ma lo sappiamo, quando ci si spera, non accade mai!

stefano bertoniCommenta